Emanuele Piccardo. Superstudio: la città sepolcro dell’uomo

superstudio06

Superstudio, Monumento Continuo (1969)

Nel 2008 il gruppo Archizoom espone le sue opere nelle sale ipogee dell’Ospedale degli Innocenti a Firenze, dimostrando, ancora una volta quanto l’architettura radicale sia stata e sia tuttora fastidiosa per i burocrati direttori di musei. Il Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, progettato e realizzato da Ignazio Gardella nel 1954, ospita la mostra Super Superstudio, a cura di Andreas Angelidakis, Vittorio Pizzigoni e Valter Scelsi. Milano, dunque, e non Firenze dove non è mai stata fatta una mostra complessiva sulla neoavanguardia architettonica, si ripropone come luogo aperto alla cultura radicale come dimostra la recente antologica di Ugo La Pietra in Triennale.

Super Superstudio mostra, in modo convincente, le ricerche del Superstudio fondato a Firenze nel 1966 da Adolfo Natalini, Cristiano Toraldo di Francia, Roberto e Alessandro Magris, Gian Piero Frassinelli, e in modo poco convincente gli artisti selezionati per creare quel legame col contemporaneo dal quale l’opera del Superstudio esce ancora oggi forte e coerente.

Ma facciamo un passo indietro. E’ il 1966 a Firenze imperversa l’alluvione e le sue foto “ci restituiscono una città molto diversa dalla visione storica-afferma Toraldo di Francia-con i suoi monumenti immersi in un fluido […] C’erano queste strane striature nere insieme alla fanghiglia dell’Arno e una situazione dinamica che immediatamente separava la scatola architettonica, il monumento, dalla sua base per cui la tettonica veniva messa in discussione da queste immagini”. Così questo cambiamento iconografico della città suggerisce ai giovani architetti una rivoluzione linguistica che viene ripresa nel progetto del ’72 Italia Vostra. Salviamo i centri storici italiani. Qui i fotomontaggi dell’alluvione dimostrano la tesi che per salvare le città c’è solo la loro distruzione “la sterilizzazione totale di quell’organismo che, nato per essere la casa dell’uomo, ne è diventato prigione e sepolcro”. La proposta provocatoria per Firenze consiste nel realizzare un’alluvione permanente i cui vantaggi sono il ripristino della situazione geologica pliocenica, realizzando un evento capace di attrarre i turisti.

flooded_florence

Superstudio, Italia Vostra. Salviamo i centri storici italiani: Firenze, 1972

Una situazione che ha prefigurato le recenti inondazioni che sempre più con intensità colpiscono le nostre città. Così quelle immagini dei fotomontaggi oggi sono parte della nostra quotidiana iconografia. Ma il 1966 è l’anno in cui si fonda la Superarchitettura, altro termine per definire l’architettura radicale, l’ omonima duplice mostra di Pistoia e Modena, realizzata insieme agli Archizoom dove per la prima volta vengono presentate le sperimentazioni del design pop . Al PAC il display messo in atto da baukuh e Scelsi è la ricostruzione di un frammento del Monumento Continuo che dialoga con l’architettura di Gardella e delimita la parte dedicata agli oggetti di design e gli environments, dagli Istogrammi, collocati nell’ala verso il parco, così da creare una relazione tra interno ed esterno mediata solo dalla superficie vetrata. La superficie è la matrice che identifica la ricerca del collettivo fiorentino. Così nel Monumento Continuo (1969) la superfice si piega e diventa volume omogeneo che attraversa i paesaggi e fa “esplodere il rapporto città-campagna-continua Toraldo- natura-architettura, in cui i limiti non sono così definiti. Il Monumento continuo è la fine di un’epoca, il passato e non il futuro”.

3547_superstudio_2

Superstudio, Supersuperfice, 1972

life-supersurface-by-superstudio_1_905

Superstudio, Supersuperfice, 1972

Invece nella Supersuperfice (1972) è la superfice che si fa terra con un reticolo cartesiano quadrettato che rappresenta una serie di situazioni di vita: dalle pulizie di primavera a gruppi di famiglie hippie che fanno il pic-nic. Il tema della superfice è strettamente correlata al modulo cartesiano quadrettato su fondo bianco che ritroviamo sia nel Monumento continuo, sia nei progetti degli Istogrammi e di Quaderna. Gli Istogrammi (1969) sono elementi modulari che si compongono in varie funzioni il cui upgrade è Quaderna (1970), tavoli, letti, mobili prodotti per Zanotta. Come se gli Istogrammi fossero gli elementi base, i mattoni, del coevo Monumento Continuo. Questo uso della parola continuo determina una coerenza linguistica che si inserisce in una galassia eterogenea di progetti di altri gruppi a partire dai loro compagni di viaggio, gli Archizoom. L’occasione milanese consente una visione complessiva della ricerca di Superstudio senza però attivare nessuna contestualizzazione storica, senza creare analogie con altri gruppi importanti per la loro educazione come gli inglesi Archigram e la cultura pop di Eduardo Paolozzi e Richard Hamilton. Senza neanche contestualizzare il rapporto tra il gruppo e alcuni protagonisti della scena politica fiorentina: il sindaco La Pira, i preti-operai, il Partito d’Azione (con la figura di Piero Calamandrei); ma soprattutto il rapporto con i Quaderni Rossi di Mario Tronti “e la messa in discussione dei rapporti gerarchici tra sindacato e movimento operaio. Una situazione che condizionò le premesse e l’humus delle nostre iniziative successive”. Per la prima volta nel catalogo della mostra è pubblicata, in un atto “continuo”, l’antologia dei testi più significativi per comprendere il pensiero teorico di Superstudio. Nonostante i contributi dei curatori non siano eleggibili come saggi critici, il catalogo diventa strumento scientifico proprio per la presenza dei testi storici.

Negli ultimi dieci anni sono molte le ricerche sull’architettura radicale, i libri prodotti, le conferenze, però manca ancora una contestualizzazione storiografica che collochi il movimento delle neo-avanguardie, non solo in Italia, all’interno di un palinsesto storico-critico. Quella storia dell’architettura non convenzionale che comprenda molti dei protagonisti della seconda metà del Novecento: Price, Archigram, Ant Farm, Constant, Soleri, Friedman, Haus Rucker-Co, Utopie, Giorgini, Galvagni, Hausermann, Parent. Protagonisti di un modo sperimentale e innovativo di fare architettura dai quali oggi occorre ripartire per nuove utopie realizzabili.

[Emanuele Piccardo]

8.11.15

 
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

- Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Useremo queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul sito. I cookie analitici sono inviati dal sito stesso o da domini di terze parti.

- Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni ai nostri siti.

- Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito.

Chiudi