Emanuele Piccardo. Il recupero del paesaggio etico

IMG_3142-

Giancarlo De Carlo, Collegi universitari, Vela (1973-83), Urbino

E’ il 1951 quando il rettore dell’Università di Urbino, il critico letterario Carlo Bo, chiama Giancarlo De Carlo, architetto genovese (1919-2005) anarchico, membro del Team X, a recuperare i palazzi rinascimentali della cittadina marchigiana, per destinarvi le sedi delle Facoltà. Urbino è una città ricca di storia, lì il duca del Montefeltro, Federico, realizza quella corte umanista a cui partecipano Luciano Laurana, Francesco di Giorgio, Piero della Francesca, Luca Pacioli. Dopo cinquecento anni, un altro mecenate, Bo, definisce un grande progetto visionario per Urbino ovvero investire nella educazione, come generatore di saperi. Le architetture disegnate da De Carlo insistono su due temi principali: il recupero del centro storico attraverso un linguaggio architettonico moderno e il rapporto tra architettura e paesaggio. D’altronde De Carlo aveva sviluppato la sua idea di architettura durante gli incontri con Alison e Peter Smithson, animatori del Team X e soprattutto del New Brutalism. Gli Smithson, infatti, teorizzano l’etica nell’architettura, tema centrale per De Carlo al pari di una estrema coerenza tra pensiero e pratica progettuale.

IMG_3173

Giancarlo De Carlo, Collegi del Colle (1962-66), Urbino

Così il rigore del cemento armato entra nella poetica decarliana a partire dalla Facoltà di Magistero (1968-76) per proseguire nei Collegi del Colle (1962-66) e nei successivi Tridente, Aquilone-Serpentine e Vela, terminati nel 1983. Fin dall’inizio De Carlo disegna i collegi ripensando il rapporto con il paesaggio, seguendo l’andamento delle curve di livello e enfatizzando, caratteristica peculiare della sua architettura, i percorsi pedonali (presenti anche al Villaggio Matteotti di Terni), interni ed esterni, definendo infinite possibilità di scoprire nuove visuali panoramiche. L’aspetto sociale della sua architettura è già evidente nei Collegi del Colle, dove non c’è separazione uomini-donne, e gli studenti hanno spazi comuni per studiare e socializzare. Nei successivi ampliamenti De Carlo attua un’interessante sperimentazione sul tema dell’alloggio, variando le tipologie e i materiali, alternando al cemento a vista il mattone. Lo studio della città di Urbino e dell’architetto del Duca, Francesco di Giorgio Martini, consente all’architetto ligure di entrare dentro le dinamiche spaziali urbinati introiettandole nelle sue architetture secondo i principi del modernismo, con una sapiente manipolazione dei volumi nel continuo rapporto tra esistente e nuovo, tra pieni e vuoti, tra interno ed esterno. La lezione della città storica entra dentro i collegi che assomigliano a una città invisibile di Calvino-afferma De Carlo- ogni punto è diverso, i passaggi sono infiniti e l’organizzazione degli spazi è simile a quella della città di Urbino, dove continuamente si sale, si scende e si hanno prospettive diverse.

IMG_3143

Giancarlo De Carlo, Collegi universitari, Aquilone (1973-81), dettagli del degrado

I collegi universitari sono oggetto di un piano di conservazione attuato da un gruppo di lavoro composto dallo studio MTA Associati, Politecnico di Milano, CNR, Università di Urbino ed Ersu, che ha vinto il bando della Getty Fondation, Keeping it modern. Un finanziamento da 50,000$ a 200,000$ per progetti di recupero delle architetture pubbliche, non case private, particolarmente rilevanti del XX secolo. Keeping it modern è il completamento del Getty Conservation Institute’s Conserving Modern Architecture Initiative, iniziato con i progetti di conservazione per il Salk Institute di Kahn e la Eames House. Nella stessa sessione sono stati premiati tra gli altri lo Unity Temple di Wright, la Facoltà di Architettura di Sao Paulo di Vilanova Artigas, la Schoreder House di Rietveld e la Einstein Tower di Mendelson. Il piano per i collegi, finanziato per 195,000$ prevede lo sviluppo di specifiche metodologie di intervento seguendo una timeline che consenta un monitoraggio continuo dello stato degli edifici, individuando le azioni da compiere. Oggi i collegi di proprietà di Università e Regione Marche, hanno diversi problemi di conservazione che nel tempo non sono stati risolti. Il finanziamento del Getty consente la progettazione del piano di conservazione, ma la fase successiva deve essere l’intervento diretto per restaurare gli edifici altrimenti è l’ennesimo progetto di carta. In Italia la questione della conservazione del moderno viene affrontata da poche Soprintendenze lungimiranti, tant’è che i Collegi non sono vincolati, e dalla onlus internazionale Docomomo, che si occupa di salvaguardia e conservazione del patrimonio architettonico del Novecento, incredibilmente esclusa dal gruppo di lavoro. L’architettura moderna non ha appeal mediatico mentre in America c’è una sensibilità maggiore verso la conservazione come dimostra il Modernism Week di Palm Springs, una serie di visite guidate alle architetture dei vari Neutra, Lautner e Wexler, con lo scopo di preservare il patrimonio e generare economie, al pari dei divi hollywoodiani; Pitt e Di Caprio, che acquistano icone del modernismo californiano proprio con lo scopo di preservarle.

[Emanuele Piccardo]

11.8.15

 
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

- Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Useremo queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul sito. I cookie analitici sono inviati dal sito stesso o da domini di terze parti.

- Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni ai nostri siti.

- Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito.

Chiudi