Emanuele Piccardo. Quando l’anarchitettura ha due padri: Matta-Clark e Pettena.

gmc

Gordon Matta-Clark, Conical Intersect, fotografia Marc Petitjean copyright Collection Canadian Centre for Architecture, Montréal/Marc Petitjean

Gordon Matta-Clark ritorna ad essere al centro del dibattito con un libro e una mostra. A Parigi al Jeu de Paume va in scena Gordon Matta-Clark. Anarchitect, a cura di Antonio Bessa e Jessamyn Fiore, dove vengono presentati i lavori per il Bronx: i graffiti, il taglio del Pier 52, i Bronx Floor, e un omaggio alla città francese con Conical Intersect (1975),un taglio circolare nella facciata di una casa, come un grande occhio da cui traguardare la sagoma in costruzione del Pompidou. Il libro Cutting Matta-Clark. The Anarchitecture Investigation, scritto da Mark Wigley, ha l’ambizione di scoprire nuovi e inediti documenti attraverso una indagine negli archivi del Centre Canadien d’Architecture, depositario di lettere e disegni, e dell’Estate of Gordon Matta-Clark che raccoglie le fotografie, unica testimonianza, insieme ai film, dell’opera dell’artista. L’intento di Wigley é investigare la nascita dell’Anarchitettura partendo dalle parole che Matta scrive sulle postcards: Anarchitettura é fare spazio senza costruirlo…Anarchitettura aggiunge una nozione di eventi non materialil’Anarchitettura é più vicina al perfetto gioco di vuoti…

1-BEST-Indeter-Fac-front-view2
SITE, Best, Retail Store,Houston, 1975 copyright SITE

Di fatto l’Anarchitettura furono in molti a praticarla, basta pensare ai SITE di James Wines, gli Archigram, fino al gruppo che diede vita, fin dal1966 a Firenze, all’Architettura Radicale, tra cui figura l’artista, laureato in architettura, Gianni Pettena. Autore del libro L’anarchitettoedito da Guaraldi nei primi mesi del 1973, Pettena viene escluso dalle ricerche degli studiosi sulla anarchitettura di Matta-Clark. Laureatosi in architettura alla Cornell University, nel dicembre del 1973, pochi mesi dopo l’uscita del libro di Pettena (che conosceva, come anche Wigley documenta), Matta Clark fonda l’Anarchitecture group (Laurie Anderson, Joel Fisher, Tina Girouard, Susan Harris, Gen Heighstein, Bernard Kirschenbaum, Richard Landry, Max Newhous, Richard Nonas, Alan Saret) anche se solo nel 1974 si palesa con la mostra del gruppo nel ristorante newyorchese FOOD. Wigley evidenzia come la storiografia di matrice anglosassone sia concentrata unicamente sul soggetto della ricerca, senza considerare il contesto culturale, politico e artistico all’interno del quale si muove Matta-Clark. In questo modo si denota una profonda differenza di metodo negli studi storici di noi italiani, che derivano dalla matrice umanistica,con quelle interrelazioni tra artisti, opere e contesto in un continuo passaggio dal dettaglio all’insieme. Si può affermare, parafrasando Trump, America First sempre e comunque anche nel caso di queste due recenti ricerche su Matta-Clark.

Gianni-Pettena--Clay-House---Salt-Lake-City-Utah-1972
Gianni Pettena, Clay House, Salt Lake City 1972, courtesy Archivio Gianni Pettena

Ciò nonostante l’opera di Pettena, prende forma proprio in America, supportata anche da Artforum (giugno 1972). Dal 1971 al 1972, a Minneapolis e Salt Lake City, sperimenta il suo linguaggio anarchitettonico attivando nuovi comportamenti spaziali. Pettena e, poco dopo, Matta-Clark operano una de-costruzione dell’architettura, anticipando Gehry, Hadid e Tschumi, rompendo così tutti i limiti e configurando un nuovo linguaggio. Matta-Clark agisce con i suoi tagli sulle facciate e nei pavimenti per sottrazione di materia, creando nuove forme architettoniche, mentre Pettena accumula materia: con il ghiaccio nelle Ice Houses a Minneapolis (1971), con la creta nella Clay House a Salt Lake City (1972).

ice-I
Gianni Pettena, Ice House I, Minneapolis 1971, courtesy Archivio Gianni Pettena

Entrambi trasformano spazialmente le architetture anonime americane con un gesto anarchico contro la debordante presenza della tradizione architettonica. Il rapporto tra i due è rafforzato non solo dalla de-strutturazione del linguaggio, bensì dall’usare fotografia e film in 16mm come unici racconti dello svolgimento delle loro performance. Matta-Clark nell’intervista rilasciata a Donald Wall di Arts Magazine (1976), precisa la sua distanza dalla Land Art dove definisce l’Earth artistcome colui che agisce su una tela bianca, “ho scelto di non isolarmi dalle condizioni sociali, ma di trattare direttamente con le condizioni sociali sia per le implicazioni fisiche, come nella maggior parte dei miei lavori, sia attraverso un coinvolgimento più diretto della comunità…Penso che le differenze nel contesto urbano siano la mia preoccupazione principale e siano una grande separazione dall’Earth Art”.

Anche Pettena aveva rifiutatola Earth Art nel dialogo con Robert Smithson pubblicato su Domus (1972): “Non ho il diritto di toccare un’area naturale-afferma- e anche una vecchia miniera [luogo caro a Smithson] in disuso è un posto dove la natura ha operato una rilettura secondo il suo linguaggio, e me l’ha sottratto”.

[Emanuele Piccardo]

21.8.18

 
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

- Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Useremo queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul sito. I cookie analitici sono inviati dal sito stesso o da domini di terze parti.

- Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni ai nostri siti.

- Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito.

Chiudi