Nicola Bertasi. Intervista a Eugenio Carmi

galleria-del-deposito-boccadasse
Genova, quartiere di Boccadasse, la Galleria del Deposito, 1963 fotografia di Kurt Blum

Cinquant’anni fa nasceva a Genova la Galleria del Deposito: una storia legata alle avanguardie artistiche degli anni sessanta, dove si sono incrociate le diverse esperienze di pittori, fotografi, grafici ed editori uniti da una certa idea democratica della fruizione delle opere d’arte.
La galleria vide la luce il 13 settembre del 1963 a Boccadasse, un piccolo borgo di pescatori dentro la città con le reti da riparare accantonate vicino
alle barche. Non esistevano ancora i turisti alla ricerca del buon gelato o dello scorcio pittoresco da fotografare con il cellulare; il borgo viveva del mare e con il mare. C’erano gabbiani, mamme che inseguivano bambini capricciosi, biancheria stesa alle finestre e affitti poco cari. Non sembra proprio questa la migliore posizione dove aprire una galleria d’arte, così lontano dai vialoni borghesi. E invece non sarebbe potuta nascere che lì, lontano dal centro. Eugenio Carmi e sua moglie Kiky Vices Vinci, insieme a un gruppo di amici riunito in cooperativa – c’erano Bruno Alfieri, Kurt Blum, Flavio Costantini, Germano Facetti, Carlo Fedeli, Emanuele Luzzati, Achille Perilli – decisero di riprendere in mano un vecchio magazzino utilizzato come deposito di carbone e creare una galleria. La prima mostra inaugurò il 23 settembre del 1963 con il titolo Sedici quadri blu. Vi sono esposte opere di Chagall, Capogrossi, Max Bill, Dorazio, Fontana, Sam Francis, Vasarely. Fu questa la «partenza». Dal 1963 al 1968 vengono allestite 38 rassegne
e chiunque fosse vicino alle avanguardie artistiche e fosse passato da Genova, sicuramente avrebbe fatto un salto a Boccadasse.
 Eugenio Carmi, oggi 93enne, ne parla volentieri; conserva di quegli anni un po’ magici il ricordo di un’esperienza straordinaria.

Carmi, come funzionava la galleria del Deposito?

La nostra attività era frenetica: la galleria ogni mese inaugurava una mostra personale e inoltre produceva opere multiple e serigrafie, in genere di artisti amici italiani e stranieri convinti, come noi, dell’importanza della nostra iniziativa. Tutti aderirono alla richiesta di fornire un originale senza ricevere un compenso e in cambio noi ci impegnavamo a vendere a basso prezzo le opere multiple ricavate dal loro originale, rispettando la regola fondamentale di una cooperativa: reinvestire in nuove opere, non incassare i guadagni. Gli artisti li conoscevo quasi tutti ed è stata proprio questa amicizia e vicinanza a offrirci l’opportunità di averli facilmente alla Galleria del Deposito.

E il quartiere di Boccadasse come rispondeva alle vostre iniziative?

Boccadasse è un vecchio borgo alla periferia di Genova e, come nei piccoli paesi, tutti si conoscono. Noi conoscevamo tutti gli abitanti. Ricordo con nostalgia gli amici pescatori, in particolare Nanni. Lui la sera, prima di uscire in mare per la pesca, ruotava il dito indice umido e sentiva la direzione del vento. Se era buono, usciva con la sua barca e al mattino seguente sua moglie veniva a venderci il pesce appena pescato. Cose di altri tempi.
Genova attraversava un periodo di grande effervescenza culturale. Nascevano le canzoni di De André, tra i vicoli del centro storico mentre teatri come lo Stabile e la Borsa di Arlecchino proponevano una programmazione di alto profilo. La Superba si distingueva anche per la sua attività editoriale: la rivista Marcatré, poi riferimento critico della neoavanguardia italiana, è stata creata proprio sotto lo sguardo vigile della Lanterna. C’era il boom economico e l’Italsider di Gian Lupo Osti svolgeva un ruolo trainante, coinvolgendo artisti nell’idea di reinvestire soldi nella cultura.
C’era il porto affacciato sul Mediterraneo, la punta di quel triangolo industriale che faceva immaginare un futuro di crescita infinita, quasi come se gli anni sessanta fossero soltanto una premessa a un futuro dove tutto sarebbe andato meglio.

Carmi, come sta l’arte oggi?

Il mondo è cambiato. Oggi tutto questo è un ricordo, è finito il tempo della speranza, è arrivata la tecnologia a trasformare la nostra vita, con aspetti positivi ma anche negativi, soprattutto per il grande abbandono del nostro rapporto con la natura. Oggi i bambini escono dal grembo della madre col telefonino in mano, nascono già invasi di tecnologia. Anche l’arte è in crisi, ha perso l’identità che l’ha accompagnata nei millenni, non ci consente di riconoscere l’identità dell’autore.
Non so bene cosa dire, ma credo che questo rispecchi la grande crisi del mondo che non è, come tutti credono economica. È una crisi di valori spirituali, solo fra venti o trent’anni potremo giudicare cosa sia accaduto. In particolare, la situazione politica italiana è fra le peggiori, soprattutto perché chi ci ha governato negli ultimi vent’anni non conosce la bellezza e perciò non conosce l’Italia. Troppi italiani non hanno ancora capito che la bellezza e la cultura rendono molto più del petrolio.

[Nicola Bertasi]

Nicola Bertasi studia storia e letteratura laureandosi all’Università Statale di Milano nel 2009, è fotografo e collabora con Il Manifesto.
Questo articolo è stato pubblicato in Alias dell’ 11 maggio 2013, si ringrazia Il Manifesto per la disponibilità nel concederne la diffusione.
website www.nicolabertasi.com

 
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

- Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Useremo queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul sito. I cookie analitici sono inviati dal sito stesso o da domini di terze parti.

- Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni ai nostri siti.

- Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del sito.

Chiudi